ELF TEATRO è un laboratorio di formazione, pratica e produzione teatrale, attivo dal 2006 a Milano sotto la guida di Elisabetta Fraccacreta.
La proposta artistica e pedagogica si è sviluppata a partire da insegnamenti di maestri del ‘900 teatrale (Stanislavskij, Grotowski, Strasberg, Barba, Brook) orientandosi verso i punti trasversali tra le diverse metodologie, alla scoperta di tutte le chiavi che possano parlare anche al presente.

Il lavoro espressivo e creativo riguarda l’attore come persona, che può risvegliare nuove potenzialità, sviluppare sensibilità, incontrare sé attraverso l’altro; e riguarda l’attore come creatore di azioni artistiche che abbiano una forza viva in scena.
ELF TEATRO è un grande atelier dove scoprire la propria sincerità, libertà espressiva ed energia vitale; dove ciascuno può trovare il suo proprio Teatro.

Associazione di promozione sociale

ELF Teatro nasce nel gennaio 2006 allo scopo di promuovere e valorizzare la cultura, la ricerca e la pedagogia teatrale e di diffondere l’arte performativa attraverso pratica, produzione e collaborazioni artistiche; promuove il teatro come valore fondamentale per lo sviluppo e l'espressione armonica e consapevole dell’individuo realizzando percorsi teatrali in contesti collettivi e sociali e progetti pedagogici per bambini e ragazzi nelle scuole.

ELF | Teatro

ELF TEATRO si dedica alla ricerca, alla pratica e alla produzione di spettacoli di teatro e di teatro ragazzi.
L’essere umano e la sua autenticità sono al centro del lavoro: la ricerca è quella di un attore “presente” che sappia far vivere il testo, e, attraverso precise azioni, ritmi e significati, coinvolgere i sensi e la mente dello spettatore.

ELF | Scuola

Nel 2006 nasce la Scuola di teatro e cinema che, individuando nuove metodologie di avvicinamento all’espressività e al lavoro dell’attore per adulti, ragazzi e bambini, propone corsi e laboratori di teatro, canto e teatrodanza, workshop e masterclass; nel 2011, grazie alla sinergia di più pedagoghi, la proposta è ampliata dall’Accademia, percorso professionale per attori.

Il metodo

Il lavoro per l’attore proposto da ELF TEATRO si basa sui principi della recitazione realista. Il percorso di studio conduce a sviluppare consapevolezza e onestà emotiva, educando alla libertà di seguire i propri impulsi ed l’intuito verso la creazione di personaggi “vivi” e drammi autentici. Attraverso un processo creativo organico, l’allievo scopre in sé gli strumenti che gli consentono di reagire con verità a circostanze immaginarie; “smette di recitare”, e impara a creare, per la scena (o per il set cinematografico), un’esperienza di vita.

Il lavoro dell’attore è basato in particolare sui principi del Sistema di Konstantin Stanislavskij e le sue evoluzioni, tra cui il Metodo formalizzato da Lee Strasberg e il lavoro del figlio John. Il lavoro sul personaggio avviene principalmente tramite: Memoria sensoriale ed emotiva Improvvisazione su circostanze assegnate, analisi del testo e lavoro scenico. L'insegnante guida l'allievo durante la scena proposta dando indicazioni prima, durante e dopo, accompagnandolo in un percorso organico verso la scoperta della realtà essenziale del dramma e della vita dei personaggi.

La preparazione corporea e vocale lavora sul risveglio della presenza dell’attore e sull'esplorazione di diverse qualità di energia del corpo, dello sguardo e della voce; ha l’obiettivo di educare la mente ad agire in contemporanea al corpo, non condizionando le azioni e le intenzioni.
Il training fisico, oltre che necessario all'apprendimento della "tecnica", supporto fondamentale alla creazione, prepara l’organismo a percepire sensazioni, impulsi ed emozioni con maggior precisione ed intensità, determina lo sviluppo della consapevolezza di sé, il rafforzamento della volontà e una maggior capacità di individuare obiettivi e scelte creative individuali o in relazione al gruppo.

L’obiettivo è la ricerca di una tecnica che porti, attraverso il gioco della finzione, alla più profonda sincerità. L’ insegnamento si basa sulla ricerca condotta dai maggiori pedagoghi del nostro secolo, con un particolare riferimento a Jerzy Grotowski e i suoi allievi, fra cui Eugenio Barba -ODIN TEATRET .Il training fisico, oltre che necessario all'apprendimento della "tecnica", supporto fondamentale alla creazione, prepara l’organismo a percepire sensazioni, impulsi ed emozioni con maggior precisione ed intensità, determina lo sviluppo della consapevolezza di sé, il rafforzamento della volontà e una maggior capacità di individuare obiettivi e scelte creative individuali o in relazione al gruppo.

STAFF

Maestri ospiti

e inoltre:

Roberta Carreri | Julia Varley | Ludwik Flaszen | Michele Abbondanza |  Laura Curino | Isabel Maurel | Raquel Alarcon | Compagnia NUT | Marcella Fanzaga | …

Hanno collaborato con noi